9.4 C
Roma
mercoledì, Gennaio 26, 2022
No menu items!
spot_img
HomeCronacaPolizia, ultime: Commissariato Borgo Ognina: svuota la cassaforte dell’anziana signora presso cui...

Polizia, ultime: Commissariato Borgo Ognina: svuota la cassaforte dell’anziana signora presso cui lavorava: fermata dalla polizia domestica infedele

Polizia, la nuova nota online dalle questure pubblicata sul sito web:

I poliziotti del Commissariato sezionale “Borgo Ognina” hanno fermato una donna di 41 anni di nazionalità mauriziana, ritenuta responsabile di aver rubato una consistente somma di denaro dalla cassetta di sicurezza in cui un’anziana signora che l’aveva assunta come domestica, custodiva i propri risparmi – aggiunge la nota pubblicata. A far scattare le indagini la denuncia della vittima, la quale dopo aver notato che dalla cassetta di sicurezza era sparita la somma di 7000 euro, si è recata alla Polizia per sporgere querela – In sede di denuncia l’anziana signora riferiva che il giorno dopo aver costatato il furto, la domestica che lavorava presso la sua abitazione, l’aveva chiamata per comunicarle che non avrebbe più potuto prestare la sua attività lavorativa, in quanto costretta a rientrare d’urgenza nel suo paese d’origine per l’improvvisa morte della giovane figlia – si apprende dal portale web ufficiale. Una volta raccolti tutti gli elementi utili per l’indagine, i poliziotti si mettevano immediatamente sulle tracce della domestica, accertando che questa, in realtà, non era mai partita per il suo paese, trovandosi ancora in città. Una volta rintracciata, la donna veniva condotta presso il Commissariato e, messa alle strette, ammetteva di aver sottratto la somma di denaro e di aver inscenato la morte della figlia per far perdere le proprie tracce – A quel punto, veniva indagata per il reato di furto in appartamento e segnalata all’ufficio immigrazione per il ritiro del permesso di soggiorno – recita il testo pubblicato online.

E’ quanto si legge in una nota ufficiale diffusa, poco fa, dalla Polizia di Stato e pubblicata online sul sito istituzionale. I dettagli della nota, della quale viene qui riportato l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 12, anche mediante il sito internet della Polizia di Stato, sezione Questure, attraverso il quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte della nota riportata: questure.poliziadistato.it

Può interessarti anche
- Advertisment -
Google search engine

Ultim'ora