12.7 C
Roma
sabato, Novembre 27, 2021
No menu items!
spot_img
HomeCronacaPolizia di Stato arresta 48enne per “stalking, sequestro di persona, minaccia e...

Polizia di Stato arresta 48enne per “stalking, sequestro di persona, minaccia e violenza privata”.

Polizia, nuovo comunicato online sul sito nella sezione Questure:

Squadra Mobile di Ascoli Piceno arresta 48enne per “stalking, sequestro di persona, minaccia e violenza privata”.Nel mese di marzo una trentenne ascolana aveva iniziato una frequentazione con un uomo del luogo di una quindicina di anni più grande di lei, conosciuto tramite amicizie comuni – precisa il comunicato. Le attenzioni dell’uomo, le sue premure ed un’apparente serietà, avevano persuaso la donna a tentare una convivenza con lui – aggiunge la nota pubblicata. Per i primi tempi tutto sembrava andar bene, ma lei ignorava che questa persona, purtroppo, era già stato denunciato in passato per violenza domestica e “stalking”. Inoltre, a causa della sua attuale pericolosità sociale, risultava anche essere sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza – si apprende dal portale web ufficiale. Ben presto la donna, madre di una bambina minorenne, si accorgeva di aver commesso un grave errore, considerato che il suo compagno iniziava ad avere nei suoi confronti atteggiamenti violenti e minacciosi, esternando, tra l’altro, una non comune gelosia – viene evidenziato sul sito web. In un’occasione era persino giunto a minacciare di diffondere alcuni video che la ritraevano in atteggiamenti intimi con lui – precisa la nota online. La donna, profondamente terrorizzata, temendo anche per la sua incolumità fisica cercava una via di salvezza contattando il numero di emergenza della Polizia di Stato – Gli Agenti di Polizia della Questura di Ascoli Piceno, attraverso la Sezione specializzata della Squadra Mobile, si attivavano immediatamente informando compiutamente la locale Procura della Repubblica – viene evidenziato sul sito web. L’Ufficio Giudiziario, percepita la potenziale gravità della situazione, in applicazione delle tutele derivanti dalla procedura definita “Codice Rosso”, assumeva tempestivamente la direzione delle indagini, delegando una serie mirata di accertamenti alla Squadra Mobile e alla Sezione della Polizia Giudiziaria della Polizia di Stato presso la medesima Procura, ponendo al centro delle attività la verifica degli effettivi rischi per la donna e la sua rapida messa in sicurezza – viene evidenziato sul sito web. Immediatamente la vittima veniva allora trasferita in una località protetta, fuori provincia –  Nel contempo gli investigatori della Squadra Mobile e della Sezione di P.G. della Polizia di Stato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ascoli Piceno continuavano nelle indagini e nella raccolta di elementi per chiarire al meglio la vicenda – Inoltre, personale della menzionata Squadra Mobile e del locale Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico iniziavano a monitorare con discrezione l’uomo, per evitare che potesse perseverare nella commissione di ulteriori reati o creare situazioni di pericolo – recita il testo pubblicato online. Gli elementi accuratamente raccolti, consentivano così alla Procura della Repubblica di chiedere l’applicazione a carico dell’uomo della misura cautelare – si apprende dalla nota stampa. Tale richiesta, accolta dal GIP del Tribunale di Ascoli Piceno, che condivideva le risultanze investigative, consentiva l’emissione della misura cautelare restrittiva della custodia cautelare in carcere tra gli altri per il reato di “stalking”, sequestro di persona, minaccia, violenza privata continuata ed il nuovo delitto del cd. revenge porn previsto dall’art. 612 ter C.P.. La stessa veniva eseguita immediatamente dal citato personale investigativo a pochissimi giorni dalla richiesta di aiuto della donna – si legge sul sito web ufficiale. Adesso la ragazza potrà condurre con più serenità la propria esistenza insieme ai suoi cari – precisa la nota online. Appare importante, ed estremamente significativo, che l’epilogo di questa triste vicenda sia coinciso con la giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, fenomeno di primaria importanza per l’attività della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ascoli Pieno e della Polizia di Stato della Questura di Ascoli Piceno – aggiunge testualmente l’articolo online. È un forte segnale di attenzione e risposta a questo grave e rilevante fenomeno da parte delle Istituzioni da sempre impegnate in prima linea per prevenire e reprimere questo tipo di reati.

E’ quanto si legge in una nota ufficiale diffusa, oggi, dal servizio stampa della Polizia di Stato. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente nel presente articolo il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 18, anche mediante il sito internet della Polizia di Stato, sezione Questure, attraverso il quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte della nota riportata: questure.poliziadistato.it

Può interessarti anche
- Advertisment -
Google search engine

Ultim'ora